Iniziativa di S. S. Sakya Trizin di soccorso per il Nepal

Aiutiamo e sosteniamo le vittime del terremoto in Nepal e regioni dell’Himalaya con le nostre preghiere, azioni e donazioni. Essi hanno bisogno di ogni aiuto possibile.

Con l’assistenza di Sua Santità Sakya Trizin, il Sakya Dolma Phodrang composto dai monaci, monache e laici si sono riuniti per prestare la loro opera di aiuto sul posto.
Per saperne di più

Prossimo insegnamento con Ven. Lama Tashi Sangpo Amipa

4 - 6 Settembre: INIZIAZIONE E INSEGNAMENTO SULLE 21 TARE
Tara incarna il principio delle attività di compassione che consentono di apportare beneficio agli altri. Tara è un Essere Illuminato ed è quindi libera di manifestarsi in ogni forma adatta alle esigenze di ogni essere. Secondo la tradizione tibetana, Tara, può manifestarsi in 21 forme diverse. Tara è chiamata la Veloce Liberatrice o anche Tara la Salvatrice perché coloro che la invocano ottengono rapidamente il suo aiuto. SIETE GENTILMENTE PREGATI DI ASSISTERE ALL'INTERA SESSIONE.

Attività settimanali settembre 2015

MAR 1.9. Studio e meditazione di martedì sera: con Brigitte
19.15   Riascolto e studio dell’insegnamento di Khenchen Sherab: “I SETTE PUNTI DELL’ADDESTRAMENTO MENTALE” di Atisha (ottobre 2013)
20.15   Meditazione su Buddha Avalokiteshvara

MAR 8.9. Celebrazione del 70° Compleanno di S. S. Sakya Trizin (data effettiva 7.9.): con Lama Tashi
19.15 - 20.45 offerta di 100 lampade al burro, Rituale Lama Chöpa (Guruyoga), preghiere di lunga vita ai Maestri viventi

A Sua Santità Sakya Trizin porgiamo i nostri auguri di lunga vita e che tutte le sue aspirazioni possano essere realizzate.

MAR 15.9. Studio e meditazione di martedì sera: con Brigitte
19.15   Riascolto e studio dell’insegnamento di Khenchen Sherab: “I SETTE PUNTI DELL’ADDESTRAMENTO MENTALE” di Atisha (ottobre 2013)
20.15   Meditazione su Buddha Avalokiteshvara

MAR 22.9. Studio e meditazione di martedì sera: con Mike
19.15   La pratica del “DARE E PRENDERE” (tonglen/tib.)
20.15   Meditazione su Buddha Avalokiteshvara

MAR 29.9. Studio e meditazione di martedì sera: con Brigitte
19.15   Riascolto e studio dell’insegnamento di Khenchen Sherab: “I SETTE PUNTI DELL’ADDESTRAMENTO MENTALE” di Atisha (ottobre 2013)
20.15   Meditazione su Buddha Avalokiteshvara

Omaggio al Guru

Il 14 aprile 2014 alle ore 11:04 il nostro amatissimo Guru ha lasciato il suo corpo ma non la sua capacità di trasmettere il Santo Dharma in modo puro e continuo.

Nella sua abitazione privata a Rikon si sono svolte le pratiche che lo accompagnano in questo viaggio e dove la sua preziosa presenza era palpabile sia di giorno che di notte.

In accordo con la tradizione tibetana, per sette settimane, sono state eseguite preghiere e rituali di buon auspicio per il nostro Guru a Rikon, nei suoi centri e in tanti monasteri. 



Egli ha dedicato interamente la sua esistenza alla pratica del Dharma ottenendo il più alto livello di istruzione nell'università monastica a Sakya. E' stato scelto dal Dalai Lama per venire in Svizzera negli anni sessanta a sostegno della prima comunità tibetana in esilio. Ma non si è fermato solo a questo, ha fondato diversi Centri Dharma in diverse nazioni europee dove ha condiviso, con i suoi discepoli, la sua esperienza spirituale caratterizzata da un grande amore compassionevole e saggezza.


Il suo esempio di vero praticante di Dharma ci ha insegnato che una fede profonda trascende l'impermanenza dei fenomeni e che sono i discepoli a far rinascere i Maestri tramite la loro devozione e pratica sincera in accordo agli insegnamenti ricevuti.

Egli ci ha donato tutto quello che aveva e indicato chiaramente il sentiero da percorrere. Seguendo le sue istruzioni, sicuramente, si raggiunge la meta, il posto dove non vi è più separazione nè rammarico per ciò che si ritiene di aver perso.

Egli non ci ha lasciato, si è solo modificato, temporaneamente, il suo modo di insegnare. Ogni volta che compiamo un'azione virtuosa Lui è con noi, ogni volta che il nostro sorriso è colmo di amore stiamo praticando i Suoi insegnamenti, ogni volta che sappiamo prendere la giusta decisione, abbiamo compreso il Dharma.

Il discepolo che vive in armonia con se stesso non è mai solo.