Sua Santità il 42° Sakya Trizin Ratna Vajra Rinpoche

Con immensa gioia abbiamo avuto la visita di Sua Santità Sakya Trizin al nostro centro

ad Arosio dal 11 al 13 luglio 2017

Clicca QUI per vedere la nostra fotogaleria! 

Prossimo seminario con Khenpo Tashi Sangpo Amipa 

6 - 8. 10. GURU RINPOCHE (PADMASAMBHAVA) - SPIEGAZIONE DELLA PRATICA E DELL’OFFERTA TSOG, CON INIZIAZIONE
Guru Rinpoche, il “Prezioso Maestro” ha reso possibile il diffondersi del Buddhismo in Tibet. È venuto su questa terra, ed in Tibet in particolare, soprattutto per insegnare il Vajrayana. Personifica il “Principio del Guru”, cuore del Buddhismo Vajrayana, e per questo è noto come il “Secondo Buddha”. Grazie alla sua pratica e alle sue benedizioni possiamo superare gli ostacoli esterni, interni e segreti. SIETE GENTILMENTE PREGATI DI ASSISTERE ALL'INTERA SESSIONE.

Orario: Venerdì: 20.30 - 21.30 / Sabato e Domenica: 10.00 - 12.00 / 13.30 - 15.30
         

Attività settimanali settembre 2017

MAR 5.9. Studio del martedì sera: con Khenpo Tashi
19.15   Insegnamento su LOJONG / L’ADDESTRAMENTO MENTALE:
Il Lojong è una pratica di addestramento della mente indicata per raffinare e purificare le nostre attitudini e motivazioni.

20.30   Meditazione su Buddha Avalokiteshvara

GIOV 7.9. Compleanno di Sua Santità il 41° Sakya Trizin
Il centro resterà chiuso; reciteremo insieme delle preghiere domenica 10 settembre.

MAR 12.9. Studio del martedì sera: con Guido Ferrari
19.15   Proiezione del video “LA RELIGIONE DEL CUORE. TRE GRUPPI DI PREGHIERA”: di Guido Ferrari.
È stato realizzato nel 2000 in Ticino con un gruppo cattolico guidato dal frate cappuccino Andrea Schnöller, con il gruppo buddhista di Arosio con la presenza di Lama Sherab e con un gruppo sufi.

Presentazione da parte dell’autore Guido Ferrari.

MAR 19.9. Giorno di Mahakala: con Khenpo Tashi ANNULATO
A causa di un impegno improvviso, Khenpo Tashi si deve assentare per dieci giorni.


MAR 26.9. Studio e meditazione del martedì sera con Brigitte NUOVO
19.15 - 20.45     Il SUTRA DEL CUORE, parte 1
Un approccio a questo testo, che è il cuore della perfezione della saggezza. Seguiremo in parte gli insegnamenti di Khenchen Sherab registrati su questo tema nel gennaio 2011.

Omaggio al Guru

Il 14 aprile 2014 alle ore 11:04 il nostro amatissimo Guru ha lasciato il suo corpo ma non la sua capacità di trasmettere il Santo Dharma in modo puro e continuo.

Nella sua abitazione privata a Rikon si sono svolte le pratiche che lo accompagnano in questo viaggio e dove la sua preziosa presenza era palpabile sia di giorno che di notte.

In accordo con la tradizione tibetana, per sette settimane, sono state eseguite preghiere e rituali di buon auspicio per il nostro Guru a Rikon, nei suoi centri e in tanti monasteri. 

Egli ha dedicato interamente la sua esistenza alla pratica del Dharma ottenendo il più alto livello di istruzione nell'università monastica a Sakya. E' stato scelto dal Dalai Lama per venire in Svizzera negli anni sessanta a sostegno della prima comunità tibetana in esilio. Ma non si è fermato solo a questo, ha fondato diversi Centri Dharma in diverse nazioni europee dove ha condiviso, con i suoi discepoli, la sua esperienza spirituale caratterizzata da un grande amore compassionevole e saggezza.

Il suo esempio di vero praticante di Dharma ci ha insegnato che una fede profonda trascende l'impermanenza dei fenomeni e che sono i discepoli a far rinascere i Maestri tramite la loro devozione e pratica sincera in accordo agli insegnamenti ricevuti.

Egli ci ha donato tutto quello che aveva e indicato chiaramente il sentiero da percorrere. Seguendo le sue istruzioni, sicuramente, si raggiunge la meta, il posto dove non vi è più separazione nè rammarico per ciò che si ritiene di aver perso.

Egli non ci ha lasciato, si è solo modificato, temporaneamente, il suo modo di insegnare. Ogni volta che compiamo un'azione virtuosa Lui è con noi, ogni volta che il nostro sorriso è colmo di amore stiamo praticando i Suoi insegnamenti, ogni volta che sappiamo prendere la giusta decisione, abbiamo compreso il Dharma.

Il discepolo che vive in armonia con se stesso non è mai solo.