Sua Santità il 42° Sakya Trizin Ratna Vajra Rinpoche

Visita di

SUA SANTITÀ IL 42° SAKYA TRIZIN RATNA VAJRA RINPOCHE
ad Arosio dal 11 al 13 luglio 2017
che darà un insegnamento introduttivo al Vajrayana e
conferirà l’iniziazione di Hevajra.

Per ulteriori dettagli e per la registrazione clicca QUI

Cerimonia d’intronizzazione di S. S. il 42° Sakya Trizin

Il 9 marzo 2017 al Sakya Monastero Magon Thubten Namgyal Ling, Puruwala, Himachal Pradesh, India, sarà intronizzato il 42° Sakya Trizin.

Per ulteriori dettagli clicca QUI.

 

Prossimo seminario con ven. Laura Coccitto

8- 10 settembre: LA MORTE E L’ACCOMPAGNAMENTO AI MORENTI, LO STATO INTERMEDIO E LA RINASCITA
La morte è un evento naturale della nostra vita ed è un’opportunità speciale per la nostra crescita. Conoscere e riflettere su questo aspetto della nostra vita ci consentirà anche di sostenere serenamente gli altri in questo passaggio.
Orario: Venerdì: 20.00 - 24.00 / Sabato e Domenica: 10.00 - 12.00 / 13.30 - 15.30
         

Attività settimanali luglio 2017

MAR 4.7. Studio e meditazione del martedì sera: con Mike
19.15   SAMATHA, IL CALMO DIMORARE: Conclusione del testo “Samatha to Mahamudra”.
Mediteremo in accordo all’ultima parte del testo che tratta brevemente la meditazione sul respiro e
la meditazione sull’aspetto più sottile della consapevolezza.
20.30   Preghiere per la lunga vita di Sua Santità Dalai Lama quale nostro augurio per il suo
compleanno, con Khenpo Tashi
                       
GIOV 6.7. Compleanno di Sua Santità Dalai Lama
Il centro resterà chiuso; celebreremo insieme il 4 luglio.
“In questo paese circondato da picchi nevosi,
Tu sei la sorgente di ogni felicità e beneficio.
O potente Avalokiteshvara Tenzin Gyatso,
possano i Tuoi piedi di loto restare saldi
(possa tu vivere) fino alla fine del Samsara.”

GIOV 27.7.  CHÖKHOR DÜCHEN
Nelle sette settimane successive alla sua Illuminazione Buddha non diede alcun insegnamento. Poi, a Sarnath, su richiesta di Indra e Brahma, Buddha girò per la prima volta la ruota del Dharma e conferì l’insegnamento sulle Quattro Nobili Verità.
Il centro resterà chiuso; tuttavia è un giorno in cui è di grande auspicio fare pratiche e recitare preghiere, poiché gli effetti delle nostre azioni sono fortemente moltiplicati.

Omaggio al Guru

Il 14 aprile 2014 alle ore 11:04 il nostro amatissimo Guru ha lasciato il suo corpo ma non la sua capacità di trasmettere il Santo Dharma in modo puro e continuo.

Nella sua abitazione privata a Rikon si sono svolte le pratiche che lo accompagnano in questo viaggio e dove la sua preziosa presenza era palpabile sia di giorno che di notte.

In accordo con la tradizione tibetana, per sette settimane, sono state eseguite preghiere e rituali di buon auspicio per il nostro Guru a Rikon, nei suoi centri e in tanti monasteri. 

Egli ha dedicato interamente la sua esistenza alla pratica del Dharma ottenendo il più alto livello di istruzione nell'università monastica a Sakya. E' stato scelto dal Dalai Lama per venire in Svizzera negli anni sessanta a sostegno della prima comunità tibetana in esilio. Ma non si è fermato solo a questo, ha fondato diversi Centri Dharma in diverse nazioni europee dove ha condiviso, con i suoi discepoli, la sua esperienza spirituale caratterizzata da un grande amore compassionevole e saggezza.

Il suo esempio di vero praticante di Dharma ci ha insegnato che una fede profonda trascende l'impermanenza dei fenomeni e che sono i discepoli a far rinascere i Maestri tramite la loro devozione e pratica sincera in accordo agli insegnamenti ricevuti.

Egli ci ha donato tutto quello che aveva e indicato chiaramente il sentiero da percorrere. Seguendo le sue istruzioni, sicuramente, si raggiunge la meta, il posto dove non vi è più separazione nè rammarico per ciò che si ritiene di aver perso.

Egli non ci ha lasciato, si è solo modificato, temporaneamente, il suo modo di insegnare. Ogni volta che compiamo un'azione virtuosa Lui è con noi, ogni volta che il nostro sorriso è colmo di amore stiamo praticando i Suoi insegnamenti, ogni volta che sappiamo prendere la giusta decisione, abbiamo compreso il Dharma.

Il discepolo che vive in armonia con se stesso non è mai solo.